La Sindrome di Antonio

Produzione

Imago Film, Draka production

Categoria

lungometraggio

Genere

commedia on the road

Anno

2016

Regia

Claudio Rossi Massimi

Sceneggiatura

Claudio Rossi Massimi

Cast

Biagio Iacovelli, Queralt Badalamenti, Antonio Catania, Moni Ovadia, Mingo De Pasquale e con la straordinaria partecipazione di Giorgio Albertazzi e Remo Girone

Status

Dal 17 novembre al cinema

Durata

106'

Guarda il trailer

Scheda

DAL 17 NOVEMBRE AL CINEMA.

Un film sul viaggio, l’amore, sulla ricerca di sé, nel quale giovani attori incontrano interpreti tra i più amati del cinema italiano, tra cui Giorgio Albertazzi, nella sua ultima straordinaria apparizione cinematografica.

Il film è in presentazione ufficiale al KINO – PANORAMA ITALIA, nell’ambito della festa del Cinema di Roma, martedì 18 ottobre alle ore 20:30, c/o Cinema Admiral, Roma.

SINOSSI

Nel settembre del 1970, Antonio Soris, vent’anni e
sessantottino convinto, parte da Roma con la cinquecento
della madre alla volta di Atene. Pochi soldi in tasca e tanta
voglia di conoscere il mondo. La meta non è stata scelta a caso,
Antonio ha il mito di Platone ed è convinto, o almeno spera,
che in Grecia troverà la caverna delle ombre di Platone, il luogo oltre il quale abita la conoscenza.
Un viaggio di ricerca dunque che non lo porterà alla famosa caverna ma che gli darà la possibilità di vivere un grande amore per una ragazza greca di nome Maria.

In giro tra templi, mare meraviglioso e coste mozzafiato, i due ragazzi vivranno un reciproco corteggiamento continuo, fatto di allegria e malcelata passione, di scambio sulla vita, sull’amore e sulla politica. Sullo sfondo, il sogno della rivoluzione, la liberazione dei costumi e la Grecia dei colonnelli.
Alla fine però le cose assumeranno un altro volto e un altro senso.

Un film generazionale ma non solo. La generazione è solo un punto di partenza o forse un pretesto per l’autore, che affonda la mano nei malesseri esistenziali dell’animo umano, quelli che non hanno epoca, immutabili nelle varie generazioni e che scaturiscono solo dai disagi interiori di ogni uomo che decida di misurarsi col mondo. I dubbi sull’uomo e sulla vita sono i veri protagonisti, raccontati con toni lievi, solari e spesso ironici. E poi l’amore, per un sottofondo romantico, tenero ed intenso che accompagna tutto il film.

Powered by Amra
Powered by Amra